Segui i canali social:

NOI LA
CIVICA

Caro don Silvio…

Anno 2004: festa grande per i coetanei della classe 1924! Era il loro ottantesimo compleanno e lo avevano voluto festeggiare come si deve: la Messa in Duomo e poi tutti in Municipio, la casa di tutti i castellani, per un incontro con il Sindaco e gli auguri.

E a celebrare c’era un coscritto molto speciale, don Silvio Favrin, con la sua cordialità contagiosa e la sua forza tranquilla. In questa foto-ricordo lui è là, in alto, con la sua aria gioiosa e partecipe.

Era un uomo di fede ma anche di ragione. insegnava, con la sua apparente fragilità, ad accettare la vita e comunicava una forza d’animo che stupiva e coinvolgeva. Era un uomo di pensiero e di parola e la semplicità con cui trasmetteva e traduceva i concetti più profondi generava un sentimento di di gratitudine spontanea e immediata.

Caro don Silvio, le tracce che hai lasciato nei cuori di molti sono solchi profondi, dove quanto di buono hai seminato potrà continuare a germogliare a lungo. Grazie.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi contatti!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram