Segui i canali social:

NOI LA
CIVICA

Tutto per colpa del T-red.

Perché il Gruppo “Noi la Civica” si è astenuto nella votazione del Protocollo d’intesa fra Veneto Strade e il Comune di Castelfranco riguardo al finanziamento della prevista rotatoria all’intersezione “Barbesin”? Cosa dice il protocollo?

Queste le condizioni dell’intesa Regione-Comune:

1.870.000 Euro è il costo complessivo stimato per la rotatoria.

170.000 Euro è quanto prevede di mettere il Comune di Castelfranco.

1.000.000 (un milione) di Euro è quanto prevede di mettere ANAS.

700.000 Euro è quanto prevede di mettere Veneto Strade “a valere sulla quota dei proventi delle contravvenzioni da riconoscere a Veneto Strade”. La Regione, cioè,  contribuirà al pagamento dell’opera con i soldi delle multe effettuate grazie al T-red posto all’incrocio “Barbesin” e presumibilmente attivo fino al 2025.

Con ulteriori specificazioni:

 Se l’opera dovesse costare di più, Veneto Strade “non prevede nessun ulteriore finanziamento”. Il Comune deve arrangiarsi e trovare i soldi mancanti. (Punto “f” della delibera). Se invece la rotatoria venisse a costare meno, il “risparmio” dovrebbe essere ripartito fra Comune e Regione.

Ancora: “Qualora, per qualsiasi motivo, venga meno l’operatività dell’impianto T-red, compromettendo questa fonte di finanziamento (cioè le multe), resta a esclusivo carico del Comune di Castelfranco Veneto il reperimento delle necessarie fonti di finanziamento alternative”. (Punto “g” della delibera).

Questo Protocollo d’intesa prevede quindi che per l’eventuale minore incasso per le multe – che sarebbe peraltro auspicabile visto che ogni volta che un mezzo passa col rosso può essere causa di gravi conseguenze per sé e per altri – mette a carico del Comune l’onere di trovare i soldi per compensare il mancato incasso previsto.

A noi è sembrato un accordo che mette a rischio il bilancio del Comune e che mette al sicuro il bilancio della Regione. Non ci è sembrato un accordo equo e quindi con il voto di astensione l’abbiamo sottolineato. All’erta sto. Crediamo che quello della vigilanza sia un dovere dei Consiglieri Comunali: il Sindaco Marcon si dichiara “esterrefatto”, ma questa dichiarazione lascia il nostro gruppo decisamente perplesso.

Per tranquillizzarlo dobbiamo incrociare le dita e sperare che il T-red funzioni sempre bene? E che siano centinaia e centinaia i mezzi che passeranno col rosso da qui al prossimo anno per riuscire a fare la rotatoria senza mettere a rischio il bilancio comunale?  Non ci sembra una bella prospettiva.

(In foto, la pista per l’educazione degli alunni della scuola dell’obbligo alla “Guida sicura”, inaugurata nel 2008 dall’Amministrazione “Vivere Castelfranco” presso la scuola Media Giorgione).

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi contatti!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram